Scelto per te

Scelto per te

Quotidianamente, quasi senza accorgersene, ognuno di noi  opera migliaia di scelte, prende centinaia di decisioni.

Alcune di esse sono banali e (forse) irrilevanti, altre invece necessitano di una certa riflessione, perché sono talmente importanti da poter modificare in maniera significativa il corso delle nostre vite e delle esistenze di chi ci sta a cuore.

C’è infatti una certa differenza fra decidere se bere un bicchier d’acqua o una bibita per dissetarsi  e scegliere per esempio di acquistare un appartamento, così come si può prendere alla leggera la decisione di andare a pranzare in un ristorante piuttosto che in un altro, ma non si può sbagliare quando si deve scegliere per chi votare alle elezioni o a chi affidare i propri risparmi.

Pesi diversi, responsabilità diverse, decisioni diverse ma pur sempre decisioni!

Quando dobbiamo operare una scelta importante per il nostro futuro, la domanda che spesso ci poniamo (mi auguro) è:

Ho fatto la scelta giusta?”

oppure:

Ho agito responsabilmente, decidendo il meglio per me e per la mia famiglia?

Sono domande legittime che meritano una risposta onesta e ponderata. Tuttavia, oltre a questo, dovremmo porci anche un’altra domanda (che invece in pochi si rivolgono):

La scelta che ho fatto, la decisione che ho preso, sono frutto di un mio personale convincimento? Oppure, senza che io me ne sia reso conto sono state influenzate da qualche condizionamento esterno di cui non sono a conoscenza?

Chi più chi meno tutti noi andiamo per il mondo sbandierando un certo tipo di autonomia e di libera scelta nel fare qual che ci pare delle nostre vite; tuttavia esistono studi e ricerche scientifiche che provano, senza ombra di dubbio, come sia estremamente facile condizionare la scelta di qualsiasi individuo, facendogli credere di aver preso una decisione in maniera spontanea quando invece la si è pilotata a proprio uso e consumo.

Mi riferisco ad analisi e sondaggi che operano nel settore della pubblicità e delle strategie di mercato, ma (purtroppo) anche nella preparazione delle campagne elettorali!

Alcuni colleghi mentalisti sono dei veri maestri nel pilotare le scelte del proprio pubblico.

Fateci caso: quante volte, in pubblicità, avete visto utilizzare la frase “Scelto per te”?

 

Abbiamo scelto per te soltanto il meglio…

Gli esperti della nostra agenzia hanno scelto per te un piano di investimento che ti garantirà un alto rendimento con pochissimi rischi

Ho qui pronta la soluzione su misura per te

Questa azienda si prende cura del tuo benessere, scegliendo quotidianamente per te e per la tua famiglia soltanto i prodotti di qualità superiore, controllati e certificati…

 

Forse la libera scelta non esiste… Oppure esiste, ma non è così libera come sembra!